sabato 11 giugno 2016

“Il Purgatorio: Dante, s’o famo ‘n selfie” e “Fiabolandia” (classi 2C e 1B Istituto Comprensivo di Lariano, Scuola Media Achille Campanile)





Articolo di Claudio Caponera su “Velletri oggi”


Cast spettacolo “Fiabolandia”: Ludovica Arata, Mattia Barletta, Gabriele Bastianelli, Leonardo Cafarotti, Dylan Calenne, Lorenzo Canò, Matteo Capri, Michele Chiominto, Elisa De Massimo, Greta Ferrazza, Federica Ludovisi, Alessia Macovei, Nicole Manciocchi, Riccardo Mastrella, Luciano Monteleone, Pietro Quattrocchi, Maria Camilla Sacco, Leonardo Sancamillo, Simone Sasso, Veronica Soare, Marco Sperati.
Cast spettacolo “Il Purgatorio: Dante, s’o famo ‘n selfie”: Beatrice Abbafati, gaia Bartoli, Remigio Bartoli, Giulia Biagi, Valentina Biondi, Lorenzo Borrello, Anastasia Carosi, Sara Cetrancolo, Francesco Chirico, Gaia Ciafardini, Maikol Ciriaci, Giulia D’Oria, Michele Fazio, Aurora Fedeli, Gaia Gamboni, Diletta Massimi, Marco Nanni, Alessandro Neri, Andrea Protani, Emiliano Ranieri, Stella Scivaro, Federico Tubani.

"(...) La classe IIC ha proposto per la fine dell'anno uno spettacolo divertentissimo, come ormai ci ha abituato la professoressa Ilaria Antoniani che al classico mescola l'attualità e, questa volta, anche il progresso, sentite infatti il titolo: "Il Purgatorio - Dante, s'o famo 'n selfie?", ovviamente si ride ma i ragazzi hanno avuto così occasione di imparare bene anche Dante. L'altra performance, sempre dell'instancabile Antoniani, che ricordiamo lavora nel tempo <<normale>>, è "Fiabolandia" per la IB, rivisitazione scanzonata delle fiabe con personaggi classici letti in chiave moderna. Sembrano, prendendo le giuste distanze dal sommo, personaggi in cerca di favola. Inutile dire che gli alunni si sono divertiti a impersonare fate, streghe, principi ecc. e così si sono anche divertiti i genitori a vedere i propri figli in questi panni (...)"
«Il teatro è un’isola galleggiante, un’isola di libertà. Derisoria, perché è un granello di sabbia nel vortice della storia e non cambia il mondo. Sacra, perché cambia noi». (Eugenio Barba)

martedì 5 aprile 2016

"Fino alla fine" (recensione di Vittorio Lussana)


ragazze si completano l’una con l’altra. E il loro sentimento reciproco, che ha cercato a lungo di trovare una via d’uscita, tutto sommato è un amore piuttosto classico, se non incontrasse la ‘barriera’ di essere un genere di 'trasporto' tra due persone dello stesso sesso. Un amore, dunque, che risulta intrappolato in un tortuoso 'labirinto di specchi', poiché ambedue le ragazze non hanno il coraggio di confessarlo nemmeno a se stesse. Non si tratta di un testo che rifugge dall’eventualità degli amori a prima vista, poiché in fondo le due giovani amiche si sono ‘scelte’ reciprocamente sin dall’infanzia. Quella di Romagnoli è invece una vera e propria indagine sui sentimenti umani in quanto autentici ‘alfa’ e ‘omega’ della vita, pur quando questi risultano ingarbugliati in una complessa ragnatela di moralismi, segreti inenarrabili, verità incoffessabili. A parte l’ottima regia, che ha condotto le due attrici verso una performance praticamenteperfetta, totalmente priva di errori, inciampi o ‘sbavature’, precisa come un saggio accademico, bisogna sottolineare il valore autoriale di questo giovane drammaturgo marchigiano, Fabrizio Romagnoli, che si sta facendo ‘strada’ attraverso una ricerca costante, dunque piuttosto faticosa, su tutto ciò che ormai risulta paradossale in una società che, a parole, si definisce ‘cattolica’, dunque aperta verso il prossimo. In realtà, la cultura sociale italiana rimane tristemente provinciale nel suo nascondere sotto al ‘tappeto’ delle contaminazioni formali ciò che dovrebbe, invece, rappresentare il vero motore di evoluzione della specie umana: l’amore e la passione; il riconoscersi vicendevolmente gli uni negli altri; il porre al centro dei propri interessi un’altra persona, anche se questa appartiene al nostro stesso genere sessuale. Una società ‘pornografica’, capace persino di consentire la pratica concreta delle sessualità ‘altre’, pur di non riconoscerne il valore di ‘principio’, soprattutto nell’amore omosessuale. Le due ragazze, alla fine, scoprono di amarsi veramente, da sempre. E la fine diviene un nuovo inizio, dunque un nuovo principio, che completa il complesso cerchio ‘concentrico’ della vicenda. Sarebbe curioso chiedere all’autore di questo soggetto una versione con in scena due uomini, o anche ‘etero’, trattandosi, in fondo, di un amore giovanile classico, che esplode nella piena stagione ‘estiva’ della vita di ognuno di noi. Ma proprio nell'elaborare tale ipotesi, viene alla mente il pregio maggiore delle ragazze di ‘Fino alla fine’: esse sono due donne estremamente sincere, poiché si ritrovano ‘intrappolate’ in una una vera e propria ‘gabbia’ di esperienze fallite, crisi di crescita e momenti dolorosi. Il ‘cordone ombelicale’dell’amicizia si spezza, liberando le due giovani dall’ipocrisia. Una storia matura e ben ponderata, insomma, quella di Fabrizio Romagnoli, che ha saputo lasciar spazio a passionalità e irrazionalismi ‘sani’, senza degenerare nelle consuete ‘isterie’ tra donne che si criticano ognuna alle spalle dell’altra. In realtà, proprio il sentimento che le due giovani percepiscono, le trascina a comprendere che esiste qualcosa che le limita, perché non c’è mai tra loro, pur nei numerosi litigi, competizione, invidia o insincerità. Le ragazze intuiscono che a mantenerle separate dietro a un vetro è proprio la loro stessa amicizia, gestita e interpretata secondo i classici canoni del formalismo dissimulatorio italiano, mantenendole recluse tra i recinti dello pseudo-razionalismo moralista. Quando quel vetro s’infrange, le due amiche possono finalmente guardarsi, accettarsi e amarsi. Alla fine, tutto è più chiaro, sia per Laura, la ‘maschietta’ della coppia - una parte non semplice per un ‘tipino’ alla Patsy Kensit come la Tafaro – sia per la ‘calda’ e femminile Maura, resa convincentemente sulla scena da Ilaria Antoniani. Il risultato a cui giunge l’autore è perciò quello di un’indagine che non si limita affatto al ‘campo’ dell’amicizia femminile, bensì affronta il tema, ben più ampio, degli aspetti qualitativi ed evolutivi dell’amicizia più autentica e profonda,varcando definitivamente l’artefatto confine dei rapporti di genere o tra generi.

Fino alla Fine
regia Fabrizio Romagnoli
con Ilaria Antoniani
ed Emilia Tafaro



venerdì 10 luglio 2015

Fotografie di Fabio Trisorio



ilaria antoniani



Fotografie 
FABIO TRISORIO

http://fabiotrisorio.wix.com/occhiodieffe_new









Fabio Trisorio nasce a Roma, una domenica di marzo del 1972. Vive a Roma ma abita molti mondi: gli stessi che evoca nella sua fotografia, creazioni di uno sguardo severo, inesorabile, eppure innamorato. Il suo bianco e nero scolpisce porzioni di realtà che non ti aspetti. Una natura di luce, inquieta, mai rassicurante, mai silente. Le sue donne sono archetipi, antiche e solide forme quanto essenze evanescenti e piene di segreti. I suoi paesaggi urbani sono pensieri intuìti. Tradizione e tecnica. Nostalgia e disincanto. E talvolta, indulgenza alla leggerezza e al colore: le sue Polaroid, cauti, quadrati squarci che si aprono su una realtà trasfigurata dal sogno, 
come piccoli oblò di pace.
- Maria Cristina Fornari -



lunedì 2 marzo 2015

"La bella addormentata" - Regia Roberto Fazioli

"LA BELLA ADDORMENTATA"



Regia: Roberto Fazioli

con
Ilaria Antoniani
Viviana Canini
Luca Ferdinandi
Manuela Montanaro
Laura Santini





ilaria antoniani

lunedì 13 ottobre 2014

lunedì 8 settembre 2014

"La vita è sogno"



"La vita è sogno"
regia
Marco Quircio
Ilaria Antoniani

i ragazzi del laboratorio
Teatro in Movimento

Augusto Buson
Giulio Davoli
Marta Dell'Atti
Simone Ferdinandi
Enzo La Spada
Francesca Lorenzetti
Alessio Ruggiero
Vittorio Russo


Centro Culturale Artemia
Via Amilcare Cucchini, 38
Roma (Zona Portuense Forlanini)
info@centroculturaleartemia.org
www.centroculturaleartemia.org